Quando il Congo festeggiò la sua libertà trucidando i nostri 13 aviatori

Ieri 11 novembre ricorreva l’anniversario dell’eccidio di Kindu, in Congo, quando 13 nostri aviatori furono selvaggiamente massacrati e fatti a pezzi dalle bande comuniste di Patrice Lumumba, i terribili simba, guerriglieri spesso che combattevano ubriachi e drogati. Il Congo, l’ex Congo belga, aveva ottenuto da poco più di un anno l’indipendenza, e praticamente il primo atto fu questa strage. Non vogliamo qui[…]

Sorgente: Quando il Congo festeggiò la sua libertà trucidando i nostri 13 aviatori 

Salve!

Dopo un lungo periodo durante il quale mi sono limitato a pubblicare post direttamente su Facebook e Twitter con commenti necessariamente limitati eccomi di nuovo all’opera con il mio blog che d’ora in avanti avrà un costante aggiornamento.

Un cordiale benvenuto a tutti coloro interessati alla lettura e che vorranno anche sottoscrivere l’invio delle email con le quali saranno avvisati di ogni nuova pubblicazione.

Qui trovate quanto pubblicato nel periodo 2016-2017 fino al 30 aprile.

I libri del ministro Martina

Il ministro Martina vive su un altro pianeta, cerca di difendere l’indifendibile parlando di un PD in caduta libera che non rappresenta i veri bisogni del paese.

Vanta riforme fatte che non sono quelle che risolvono i problemi endemici dell’Italia, di natura prevalentemente economico-sociale, mentre giacciono ancora nei cassetti proposte di legge importanti.

Il suo partito perde i pezzi, il suo segretario è quotidianamente contestato dagli italiani ma lui continua a sostenere che va ricercata l’unità che è sempre più una chimera…..ci dovevano pensare prima: hanno perso il treno e continuano a sperare che ne passi un altro, ma il dramma è che non sanno più nemmeno loro dove vogliono andare.

Esterna una preclusione netta verso la destra senza però citare il M5S: che l’inciucio sia proprio da quella parte?

E per finire preannuncia l’uscita di un suo libro. Questa prolificità nello sfornare libri fa sorgere una serie di dubbi:
– chi siano effettivamente gli estensori
– quando trovino il tempo di scrivere magari sottraendolo ai doveri istituzionali della carica che ricoprono
– chi li finanzi e se vengano usati soldi pubblici
– a cosa servano se non ad autocelebrarsi
– chi li compri
– chi se li legga se non gli stessi sostenitori dei politici che li firmano

Stupidi sostenitori del regime nord-coreano

Non hanno nemmeno la cognizione esatta di cosa sia il regime nord-coreano. Sono solo degli anti-trumpisti che vogliono che sia messa a repentaglio la pace nel mondo occidentale che li ha visti nascere e nel quale sono cresciuti…….comunque piuttosto male, magari solo anagraficamente ma non cerebralmente.

M5S in Sicilia hanno perso. Se ne facciano una ragione.

Danilo Toninelli (M5s): “Nello Musumeci mi fa schifo”

(fonte: http://www.blitzquotidiano.it)

Semplicemente vergognoso il modo in cui si esprime questo politicante che oltretutto ha l’ipocrisia di sostenere che il suo partito abbia vinto! Visto che non si è coalizzato con alcuna altra formazione e visto che, indipendentemente dalle percentuali di votanti attribuibili ad ogni singolo componente, chi ha vinto è la coalizione di centro-destra non si capisce perchè i grillini sostengano di aver vinto, quando in realtà hanno perso. Punto.

Hanno perso:

– hanno perso le elezioni perchè il loro candidato presidente non è stato eletto
– hanno perso la testa perché quando non si hanno argomenti seri da portare a supporto delle proprie tesi si passa alle offese personali
– hanno perso la speranza di vincere le politiche se non se non entreranno a far parte di una coalizione
– hanno perso la credibilità perché laddove hanno conquistato un governo locale hanno fatto solo disastri
– hanno perso il senso dell’umorismo perché sono semplicemente degli arrabbiati sociali
– hanno perso lo spirito iniziale di movimento contro la casta dei politici perché ne sono divenuti parte integrante
– hanno perso l’opportunità di incidere positivamente sulle vicende del paese perché non si puo’ vivere di solo complottismo….

…e si potrebbe continuare ma tanto non serve aggiungere altro.

Domandiamoci come viveva prima di essere eletta la maggior parte dei politici del M5S visto che circolano statistiche che accreditano all’86% di loro l’assenza di redditi dichiarati prima dell’elezione.

Domandiamoci quale sia il vero livello di rispetto delle regole democratiche in un partito (smettiamola di chiamarlo movimento) accentratore ed autocratico dove il diritto di ciascun rappresentante eletto di esprimere la propria personalità, i propri pensieri nell’esplicazione del mandato ricevuto dagli elettori è totalmente subordinato ad un rigido sistema di censura interna.

Ma soprattutto domandiamoci quali siano i reali programmi politici di questi soggetti, a parte lo sbandierato reddito di cittadinanza che potrebbe anche ssere letto come una subdola forma di voto di scambio: mi voti e faccio in modo che tu abbia un reddito semplicmente in funzione dell’essere cittadino italiano.