NATAL A MILAN (Natale a Milano)

(da Facebook, grazie a Patrizia Ferrario)

NATAL A MILAN

Me ricordi che a Natal faseva frécc.
Gh’era la nev e i veder coi stell de giàss.
Gh’era el camin
o la stua sempr’acès
e la pell di mandaritt a profumass.

La letterina piéna de brillantit
sconduda ben ben sòta el piatt del papà
con cent promess che duraven
men d’on dì
on testament per l’ann
che doeva ‘rivà.

La poesia imparada a memoria
l’era la scusa per ‘nda a troà i parent,
ciapà cinq ghéi, on belé
o per gloria,
toron e ciocolat de metes sòta i dent.

A Sant’Ambroeus andavom per i fòss
catà la tépa
per fà el presépi bell
l’era ona gara a troà i tòch gròss
per el prà e i montagn senza vedé ‘l tochèll.

Dopravom l’antracite per fa i gròtt
e spécc per fa ‘l lagh con dent i ochétt,
i statoètt de gèss e pù nagòt
se ‘l nòno ‘l ghe faseva nò i casétt.

L’albero l’era di sciori, e pòc credent
ma l’era alegher
tacavom su tusscòss
i mandaritt, nous, bomboni,fil d’argent
el dì de Natal ghe stavom tucc adòss.

Intorna a on taol,
per mangià inséma l’oca,
mostarda, panaton e acqua di pòmm
speravom che vegniva giò la fioca
per scaldà ‘l coeur e la Gèesa la pareva el Dòmm.

NATALE A MILANO

Mi ricordo che a Natale faceva freddo.
C’era la neve e i vetri con le stelle di ghiaccio.
C’era il camino o la stufa sempre accesa
e la pelle dei mandarini a profumare.

La letterina piena di brillantini
nascosta bene sotto il piatto del papà
con cento promesse che duravano
meno di un giorno
un testamento per l’anno
che doveva arrivare.

La poesia imparata a memoria
era la scusa per andare a trovare i parenti,
prendere cinque lire, un regalo o per gloria,
torrone e cioccolato da mettere sotto i denti.

A Sant’Ambrogio andavamo nei fossi
a raccogliere muschio
per fare il presepe più bello.
era una gara e trovare i pezzi grossi
per prati e montagne senza far notare i pezzi.

Usavamo l’antracite per fare le grotte
e gli specchi per fare il lago con dentro le ochette,
la statuine di gesso e più nulla
se qualche nonno non faceva le casette.

L’albero era per i ricchi e dei poco credenti,
ma era allegro.
Ci appendevamo di tutto,
mandarini, noci caramelle, fili d’argento
e il giorno di Natale ci stavamo tutti addosso.

Intorno a un tavolo
per mangiare insieme l’oca,
mostarda, panettone e vino dolce.
Speravamo che venisse giù la neve
per scaldarci il cuore.
E la nostra Chiesa sembrava un Duomo.

(Grazie a Patrizia Ferrario)