Contributi dell’Europa all’Italia: che fine fanno gli oltre 34 miliardi stanziati per il periodo 2014-2020?

Nell’allocazione dei fondi per il periodo 2014-2020 l’Italia con 34,5 miliardi di Euro (di cui 23,5 per le regioni meno sviluppate)  è seconda solo alla Polonia con 77,6 miliardi di Euro (di cui 49,6 per le regioni meno sviluppate).

Per quali finalità vengono fatte queste attribuzioni di contributi? Quali sono i paesi che possono usufruirne? Quella che riportiamo è la mappa che indica le regioni con diverse colorazioni in base al livello di “eleggibilità” per l’attribuzione di detti contributi; oltre alla quasi totalità delle regioni dei vari paesi dell’Est europeo e del Portogallo si nota la presenza di 1 regione per la Spagna e di ben 4 regioni considerate da Eurostat come meno sviluppate (PIL per abitante inferiore alla media di quello dei paesi EU-27): Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.

Le 11 tematiche obiettivo interessate per il periodo 2014-2020 sono:

• strengthening research, technological development
and innovation;
• enhancing access to, and use and quality of
information and communication technologies (ICT);
• enhancing the competitiveness of small and
medium-sized enterprises (SMEs);
• supporting the shift towards a low-carbon economy
in all sectors;
• promoting climate change adaptation, risk
prevention and management;
• preserving and protecting the environment and
promoting resource efficiency;
• promoting sustainable transport and removing
bottlenecks in key network infrastructures;
• promoting sustainable and quality employment and
supporting labour mobility;
• promoting social inclusion, combating poverty and
any discrimination;
• investing in education, training and vocational
training for skills and lifelong learning;
• enhancing institutional capacity of public authorities
and stakeholders and efficient public administration.

Chi lo desiderasse puo’ leggere il documento integrale al link della copertina del rapporto regionale  edizione 2017 emesso da Eurostat nello scorso mese di settembre.

 

Altri post correlati:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *